Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Typische Lawinenprobleme
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   ISSW-Dokumentation
   Nützliche Tipps
   Nachrichtenarchiv
   Videogallery
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  Du bist in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Dicembre - 2020


08/12/2020


8 DICEMBRE - CONTINUANO LE FORTI NEVICATE SULLE ALPI VENETE

Il canale depressionario tra la Groenlandia e il Mediterraneo continua a convogliare aria fortemente instabile di origine polare marittima. Dopo una breve giornata di pausa, oggi una nuova perturbazioni ha portato nevicate su tutti i rilievi delle Alpi Venete, apportando ulteriore nuova neve fresca. Sulle Dolomiti Settentrionali, sopra i 2000 metri, si misurano dai 150 ai 200 cm di neve totale al suolo, sulle Dolomiti Meridionali 130-180 e sulle Prealpi Venete 25-100 (in questo sotto settore valori maggiori sono nelle provincie di Vicenza e Verona). Tutti i passi Dolomitici risultano chiusi al traffico, in molti casi sono attive squadre per lo sgombero dei molti alberi schiantati dal peso della neve, solo le strade di fondovalle e di accesso ai borghi vengono tenute pulite per eventuali operazioni di sgombero e di evacuazione. Sotto gli 800 metri di quota perdurano grossi problemi idrogeologici, con frane e smottamenti che interessano la viabilità di diverse vallate. Per le prossime ore e per tutta la giornata di domani continueranno le precipitazioni: in particolare la neve continuerà a cadere a partire dai 700-900 metri di quota, pertanto la criticità valanghe rimarrà ancora al livello più alto. Nella foto 1 Passo Staulanza, tra la Val Zoldana e la Val Fiorentina, tra il Monte Crot e il Monte Pelmo - Nella foto 2 Rilievi presso Casera Doana a 1911 metri di quota, in comune di Vigo di Cadore.
Immagine  news
Immagine  news