Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Typische Lawinenprobleme
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   ISSW-Dokumentation
   Nützliche Tipps
   Nachrichtenarchiv
   Videogallery
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  Du bist in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Gennaio - 2018


09/01/2018


FORTI NEVICATE IN PIEMONTE

Una depressione di origine atlantica ha apportato, a partire dalla giornata del 7 gennaio e attiva fino alla giornata di oggi 9 gennaio, nuove forti precipitazioni su tutto il Piemonte. La quota neve, inizialmente posizionata a quote elevate per il periodo, intorno ai 1500-1700 m, è successivamente scesa fino a quota 1000m nella giornata di ieri. Le zone interessate dalle precipitazioni più intense sono le valli del torinese, dalla Val Chisone fino alle valli del Gran Paradiso, e la zona del Monte Rosa, con apporti superiori a 150 cm di neve fresca in meno di 48h ad una quota di 2000 m s.l.m.. Nevicate più contenute, intorno ai 40-80 cm, nei restanti settori. Il manto nevoso si presenta fortemente instabile su tutti i settori e sono attese molte valanghe spontanee di medie e localmente anche di grandi dimensioni, che possono interessare anche la viabilità ordinaria. Il pericolo valanghe è di grado 5 -MOLTO FORTE sui settori alpi Cozie, Graie e Pennine; grado 4 - FORTE sui restanti settori. Viste le condizioni meteorologiche in atto e la diffusa instabilità del manto nevoso qualunque attività sportiva in ambiente montano è fortemente sconsigliata. Meteomont raccomanda di seguire gli aggiornamenti della situazione meteorologica e di leggere accuratamente il bollettino di pericolo valanghe pubblicato ogni giorno alle h 14.00.-
Immagine  news