Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
NATIONALER DIENST FÜR SCHNEE UND LAWINENVORHERSAGE italienisch französisch deutsch englisch spagnolo russisch
   
MenuT
Wer wir sind
   Carabinieri
Partners
   Italienischer Wetterdienst (AM)
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Arpa Emilia Romagna
   Alpine Kommandotruppe (CTA)
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organisationen
   Meteomont - Service des Carabinieri
Service
   Überblick Lawinengefahr
   Schnee - und Lawinenbericht
   Manuelle Wetterwarte
   Automatische Wetterwarten
   Wettervorhersage
   Lawine Karte
   Aktuelle Schneefalle
   Beobachtungen in großer Höhe
   Historisches Archiv
   Schneeprofil
   Rechnungslegungen Wetterbericht
Aktivitäten
   Ausbildung der Mitarbeiter
Meteomontinformiert
   Anleitung Lawinenlagebericht Meteomont
   Typische Lawinenprobleme
   Gefahrenstufen
   Lawinenunfälle
   Dokumentations EAWS
   ISSW-Dokumentation
   Nützliche Tipps
   Nachrichtenarchiv
   Videogallery
   Zwölfeck des Skifahrers
La montagna in sicurezza
  Du bist in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Novembre - 2016


28/11/2016


Iniziati i rilievi itineranti sulle alpi piemontesi

Al termine delle copiose nevicate che hanno interessato le alpi piemontesi, sono iniziate le attività di rilievo del manto nevoso. Le squadre di esperti neve e valanghe del Corpo Forestale dello Stato hanno eseguito delle stratigrafie speditive per verificare le caratteristiche del manto nevoso e della situazione valanghiva ad alta quota. Tra i 1700 metri e i 2200 metri di quota il manto nevoso si presenta umidificato, mentre al di sopra dei 2200 metri la neve recente, con spessori ben superiori al metro, si stà rapidamente assestando. Sono però presenti, soprattutto in prossimità delle creste, lastroni soffici da vento, spesso ricoperti dalla neve caduta nelle ultime ore di venerdì 25; è necessario pertanto prestare la massima attenzione perchè è difficile individuare la presenza dei lastroni, che possono essere ancora instabili. Anche l'intensa attività valanghiva spontanea è spesso ricoperta da neve più recente, il che fa dedurre che la maggior parte delle valanghe sia caduta prima del termine delle precipitazioni nevose. I risultati delle prove stratigrafiche sono consultabili sul sito http://www.avalanches.org
Immagine  news
Immagine  news