Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE
italiano francese tedesco inglese spagnolo russo
   
Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Guida bollettino Meteomont
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Fenomeni in atto
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Consigli utili
   Il dodecalogo dello sciatore
   La scala del pericolo
   Visualizza foto del cittadino
   Problemi tipici valanghivi
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Gennaio - 2019


11/01/2019


ANCORA MAL TEMPO SUL SUD ITALIA

Il permanere di una solida perturbazione sulla penisola balcanica, ha favorito diffuse nevicate sulle regioni meridionali anche a quote basse. In particolare il flusso di aria fredda che ha colpito la regione puglia ha spinto le nevicate fino al livello del mare, tali nevicate sono state associate a forte attività eolica, con venti a tratti molto forti fino a livello di burrasca. durante le ultime ore registrate nevicate a quote superiori a 500 metri slm. Quota neve comunque in generale ascesa sull'intero settore. Tale situazione tenderà a migliorare per le prossime ore, prima di un possibile nuovo peggioramento previsto per la serata di domenica 13 gennaio 2019. In foto Biccari (FG) loc. "Toppo Pescara" 500 metri slm.
Immagine  news
 


 

07/01/2019


LOMBARDIA: ALPI RETICHE ED OROBICHE - CONTINUA IL FORTE VENTO IN ALTA QUOTA ANCHE NEI PRIMI GIORNI DEL NUOVO ANNO.

Continua incessante, anche nei primi giorni di questo anno nuovo, la forte attività eolica che sta interessando le Alpi Lombarde, erodendo creste e dorsali e formando spessi accumuli di neve ventata nei versanti e canaloni sottovento. Oltre all'effetto WIND-CHILL (temperatura percepita) il vento ha scoperto croste e lastroni ghiacciati che rappresentano particolari situazioni critiche da tenere attentamente in considerazione nella pianificazione dell'itinerario in montagna. Proprio per queste ultime condizioni ambientali sono stati registrati, nella giornata di ieri 6 gennaio 2019, due incidenti con vittime sulle montagne Bresciane e Bergamasche. Foto 1 e 2 Panoramica delle Alpi Retiche in Alta Valtellina.
Immagine  news
Immagine  news