Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Archivio News
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Aprile - 2018


21/04/2018


DOLOMITI SETTENTRIONALI - MONITORAGGIO AEREO ATTIVITA' VALANGHIVA

Nella giornata del 20 aprile, il personale del Centro Settore Meteomont CC Forestali del Veneto, unitamente ad un tecnico dell'ARPA Veneto del Centro Valanghe di Arabba (BL), ha provveduto ad effettuare un sopralluogo aereo sull'area Dolomitica al fine di verificarne la situazione valanghiva . Il sorvolo è stato effettuato grazie all'impiego di un elicottero A109 del 14° N.E.C. di stanza a Belluno. La stagione invernale, ormai in chiusura, ha portato abbondanti precipitazione nevose su tutta l'area della montagna veneta, creando localmente situazioni anomale per quanto riguarda l'attività valanghiva. L'alternanza di fenomeni meteorologici vari, nevicate, pioggia, vento, gelate improvvise, ha determinato la formazione di un manto nevoso fortemente diversificato in funzione della quota e delle esposizioni, tanto da rendere possibile il distacco spontaneo di valanghe anche in siti inusuali. Scopo della ricognizione quindi, è stato il monitoraggio dei consueti siti valanghivi già noti e censiti nella apposita cartografia, e verifica degli eventuali nuovi siti, con un occhio di riguardo a strade ed infrastrutture nell'ottica della pianificazione e gestione del territorio. Particolare riguardo è stato posto in quelle aree che saranno interessate da lavori di ammodernamento e costruzione di nuovi impianti sciistici, prima fra tutte l'area delle Tofane di Cortina d'Ampezzo, sede delle competizioni per i Campionati Mondiali di Sci Alpino del 2021. Il sorvolo aereo ha reso così possibile una dettagliata verifica della situazione al fine della stesura di una relazione che verrà messa a disposizione degli organi competenti in materia di pianificazione territoriale.
Immagine  news
Immagine  news