Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Archivio News
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Novembre - 2016


28/11/2016


Iniziati i rilievi itineranti sulle alpi piemontesi

Al termine delle copiose nevicate che hanno interessato le alpi piemontesi, sono iniziate le attività di rilievo del manto nevoso. Le squadre di esperti neve e valanghe del Corpo Forestale dello Stato hanno eseguito delle stratigrafie speditive per verificare le caratteristiche del manto nevoso e della situazione valanghiva ad alta quota. Tra i 1700 metri e i 2200 metri di quota il manto nevoso si presenta umidificato, mentre al di sopra dei 2200 metri la neve recente, con spessori ben superiori al metro, si stà rapidamente assestando. Sono però presenti, soprattutto in prossimità delle creste, lastroni soffici da vento, spesso ricoperti dalla neve caduta nelle ultime ore di venerdì 25; è necessario pertanto prestare la massima attenzione perchè è difficile individuare la presenza dei lastroni, che possono essere ancora instabili. Anche l'intensa attività valanghiva spontanea è spesso ricoperta da neve più recente, il che fa dedurre che la maggior parte delle valanghe sia caduta prima del termine delle precipitazioni nevose. I risultati delle prove stratigrafiche sono consultabili sul sito http://www.avalanches.org
Immagine  news
Immagine  news