Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVIZIO NAZIONALE DI PREVISIONE NEVE E VALANGHE italiano francese tedesco inglese spagnolo russo


Chi siamo
   Carabinieri
Partners
   Servizio Meteorologico AM
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Comando Truppe Alpine
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organizzazione
   Servizio Meteomont Carabinieri
Prodotti
   Sintesi pericolo valanghe
   Sintesi previsioni montane
   Dati stazioni manuali
   Dati stazioni automatiche
   Previsione meteo
   Cartografia valanghe
   Nevicate in atto
   Osservazioni di alta quota
   Archivio Storico
   Profili penetrometrici
   Rendiconti Meteonivologici
Le attività
   La formazione del personale
Meteomont Informa
   Guida bollettino Meteomont
   Problemi tipici valanghivi
   Incidenti Valanghe
   Documentazione EAWS
   Documentazione ISSW
   Scala pericolo valanghe
   Consigli utili per il fuori pista
   Il dodecalogo per lo sciatore in pista
   Archivio News
   Visualizza foto del cittadino
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Archivio News>> Meteomont Informa

Il Servizio Meteomont Informa

 

Maggio - 2015


14/05/2015


ACCORDO QUADRO NAZIONALE TRA SERVIZIO METEOMONT E UNIVERSITA' DI TORINO

Siglato a Torino l'accordo quadro nazionale tra il Corpo Forestale dello Stato, Servizio Meteomont, e il Centro NatRisk dell'Università di Torino (Centro Interdipartimentale per lo Studio dei Rischi Naturali in Ambiente Montano e Collinare) per la collaborazione nel campo del dissesto idrogeologico, idrologico, della gestione delle superfici nevose e della prevenzione/previsione delle valanghe. L'accordo consentirà tra l'altro una stretta cooperazione finalizzata da una parte a fornire dati ed informazioni territoriali provenienti dalla rete di Monitoraggio del servizio Meteomont, la più estesa ed uniforme d'Italia, e dall'altra a garantire la validazione tecnico-scientifica e l'elaborazione dei dati. Saranno avviati studi e progetti di ricerca nei settori di comune interesse in ambiente forestale e montano, nonché si organizzeranno azioni di aggiornamento di personale qualificato del CFS quotidianamente addetto al monitoraggio delle aree montane garantito dalla costante presenza nelle aree più interne e acclivi del Paese. La collaborazione sarà di sicuro supporto alle attività scientifiche e di protezione civile svolte dai due Enti dello Stato e contribuirà non solo alla pubblica incolumità connessa ai rischi naturali legati all'acqua ed alle sue varie manifestazioni (neve, valanghe, alluvioni, piene, frane, erosione ecc), ma anche alla conservazione della risorsa suolo in ambiente forestale e alla miglior gestione della risorsa idrica del Paese che dalla componente neve trae gran parte della sua disponibilità. Le prime attività avviate saranno strategiche dato il periodo di cambiamento climatico: infatti si avvieranno ulteriori dettagliati monitoraggi e studi della densità della neve, dell'equivalente in acqua e dei volumi resi disponibili dall'innevamento delle montagne del Paese che interessa circa 200.000 kmq della superficie nazionale.
Immagine  news
Immagine  news