Montagne innevate con il logo degli enti che collaborano al Servizio Meteomont
SERVICE NATIONAL DE PRÉVISION DE LA NEIGE ET DES AVALANCHES italien français allemand anglais spagnolo russe


Qui sommes-nous
   Carabinieri
Partners
   Service Météo de l'Aviation Militaire
   Centro Valanghe di Arabba - Arpa Veneto
   Troupes alpines
   Arpa Emilia Romagna
   Regione Marche
   Regione Lazio
   Regione Abruzzo
Organization
   Service Météomont Carabinieri
Produits
   Prévision du risque d'avalanches
   Bulletin Mètèonivologique
   Les données des stations manuelles
   Les données des stations automatique
   Prévisions météorologiques
   La cartographie des avalanches
   La neige en place
   Observations d'altitude
   Archives Historicques
   Profil de neige
   Relevé nivo-météorologiques
Les activitè
   La formation du personnel Météomont
Meteomont Informe
   Guide au nouveau Bulletin Meteomont
   Situations avalancheuses typiques
   L’ échelle européenne du risque
   Accidents d'avalanche
   Documentation EAWS
   Documentation ISSW
   Des conseils utiles pour le ski hors piste
   Archives News
   Douze règles de conduite pour les skieurs sur les pistes
   Videogallery
La montagna in sicurezza
  sei in Home >> Meteomont Informa >> Archivio News

Il Servizio Meteomont Informa

 

Maggio - 2019


20/05/2019


SITUAZIONE METEOROLOGICA E CRITICITA' PIEMONTE AL 20/05/2019.

Dalla giornata del 17 maggio una perturbazione di origine atlantica ha interessato tutto il Piemonte, apportando intense precipitazioni. La perturbazione è stata caratterizzata da un abbassamento dello zero termico che nella giornata di sabato è andato ad attestarsi ad una quota di circa 2000 m s.l.m., per poi risalire domenica. Tali condizioni hanno comportato il verificarsi di precipitazioni nevose con quota di attecchimento neve già a partire dai 1700 m s.l.m., in risalita dalla giornata di domenica (1900 m), con neve principalmente umida/bagnata e debolmente coesa con gli strati sottostanti. Le cumulate di neve fresca sono state di circa 25 cm di neve assestata ad una quota di 2500 m s.l.m. Sono stati rilevati scaricamenti superficiali e valanghe di medie dimensioni spontanee su quasi tutte le esposizioni a quote superiori i 2000 m s.l.m. Le condizioni climatiche, caratterizzate da un significativo rialzo termico durante le ore diurne, andranno sicuramente a favorire i fenomeni valanghivi anche nei prossimi giorni, soprattutto lungo canaloni, pendii ripidi ed in prossimità di rocce affioranti. Il grado di pericolo valanghe per la giornata odierna su tutto l'arco alpino piemontese, viene determinato in MODERATO 2 con innalzamento a MARCATO 3, durante le ore più calde della giornata.
Immagine  news
Immagine  news